I percorsi formativi comprendono attività che incoraggiano e guidano gli studenti a sviluppare nuovi interessi e curiosità nei confronti della scienza grazie alla manipolazione, all’osservazione diretta e all’esperienza sensoriale. Gli studenti saranno coinvolti in passeggiate naturalistiche, laboratori didattici e lezioni interattive che permetteranno di scoprire nozioni scientifiche in modo divertente e creativo., senza tralasciare il raggiungimento degli obiettivi  cognitivi, differenziati a seconda delle classi d’età. Le proposte didattiche del civico Museo di Scienze naturali “G. Orlandi” di Voghera trattano svariati argomenti che spaziano dalla paleontologia alla zoologia, dalla botanica all’energia rinnovabile ecc., sia riferendosi all’aspetto locale sia a temi più generali.

Siamo sempre disponibili per creare offerte su misura anche per argomenti a Vostra richiesta; ciascuna proposta è modellabile in base alle esigenze d’ogni singola classe.

Dettagli sui percorsi didattici ideati per l’anno scolastico 2019/2020:

Civico Museo di Scienze naturali G. Orlandi di Voghera – opuscolo attività didattiche 2019-2020


IL MUSEOBUS

La realtà rurale dell’Oltrepò pavese offre enormi spunti culturali basati sulla tradizione immateriale e materiale del territorio. I reperti che testimoniano questa antica memoria sono conservati sia in Musei regolarmente istituiti e riconosciuti, sia in semplici collezioni private o pubbliche. Queste piccole strutture spesso non sono fruibili dal pubblico, ma conservano e preservano la storia e la cultura di queste aree agricole. Con queste premesse nasce l’idea del “Museobus”: una connessione diretta tra il museo e la popolazione, un veicolo di cultura e un ponte di collegamento tra chi vive la natura e la storia quotidianamente e chi ha il ruolo istituzionale di preservarle e valorizzarle. L’idea di allestire un furgone per portare i beni materiali e immateriali del territorio oltrepadano a contatto con le varie realtà sociali rappresenta un modello innovativo e inedito a livello nazionale. Non è il visitatore a recarsi al Museo, che nell’immaginario generale appare come luogo austero e statico, ma i singoli reperti si propongono al territorio, in modo dinamico e accattivante”. Si coinvolge il pubblico, selezionando una serie di campioni che possano essere trasportati in sicurezza grazie a un veicolo che può percorrere il territorio offrendo laboratori e mostre dedicati alle peculiarità naturalistiche, artistiche ed etnografiche dell’Oltrepò pavese, promuovendone al contempo prodotti tipici e favorendo così anche l’economia locale. Lo slogan “Saperi in movimento” racchiude in poche parole gli obiettivi progettuali. Il Museobus ha visitato, e continua a visitare, i paesi e le frazioni del territorio oggetto del progetto. Dopo aver contattato gli Istituti scolastici locali (innumerevoli plessi pluriclassi, capillarmente diffusi sul territorio) per pianificare con gli insegnanti laboratori “a domicilio”, si sta ora facendo tappa alle sagre e fiere locali più rappresentative, individuando per ogni paese percorsi espositivi e informativi specifici per l’argomento che è più opportuno approfondire in base al contesto.